Home Page Gruppo Sopran
Gruppo SOPRAN Home Page
content
Biossido di carbonio
L’anidride carbonica (CO2) sin dagli anni ’20 viene impiegata nei sistemi antincendio per la sua efficacia ed economicità, stoccata in fase liquida, è utilizzata per la protezione di:
•  ambienti non occupati da persone
•  ambienti ove sono previsti appositi sistemi e/o procedure di evacuazione

I sistemi a CO2 sono sia ad alta pressione (58,6 bar a 21°C – fino a 110 bombole) che a bassa pressione con serbatoi refrigerati (20 bar -20°C – capacità minima 5000 kg).
Progettato secondo le norme N.F.P.A. 12, il sistema utilizza biossido di carbonio contenuto in bombole allo stato liquido, a una pressione di circa 55 bar a 18 °C.

La dislocazione dei contenitori, il tipo e i relativi quantitativi di biossido di carbonio impiegati per la protezione degli ambienti sono indicati sui disegni di progetto.

Il sistema è costituito da i seguenti gruppi principali:
•  bombole
•  rete di erogazione
•  ugelli erogatori

Il tasso di caricamento è normalmente del 75% in volume (kg. di C02 rapportato alla capacità volumetrica della bombola) in condizioni dì clima temperato, mentre è del 66% per climi tropicali.
Le bombole sono saldamente fissate mediante apposita rastrelliera a muro o a pavimento; in quest'ultimo caso la rastrelliera è fissata ad una struttura auto portante.
img_aziendesopran/az_sopran_17_51.jpg
Protezione container con impianto a biossido di carbonio
img_aziendesopran/az_sopran_17_52.jpg
Ospedale San Raffaele - impianto a biossido di carbonio
img_aziendesopran/az_sopran_17_309.jpg
valvole per bombole a biossido di carbonio
Flag